LE TAVOLE SMERALDINE: PARTE VII TAVOLA VI

THOTH L’ATLANTIDEO E LE SUE TAVOLE

PARTE VII

TAVOLA VI

10171786_567671213348279_3621752337006261312_n

LA CHIAVE DELLA MAGIA

Ascoltate, O uomini, la saggezza della magia. Ascoltate la conoscenza di poteri dimenticati.

Tanto tempo fa, nei giorni dei primi uomini, cominciò la guerra tra l’oscurità e la luce. L’uomo, proprio come ora, fu riempito con l’oscurità e con la luce; e mentre alcuni furono inclini verso l’oscurità, ad altri la luce riempì l’anima. Sì, è molto antica questa guerra, la lotta eterna tra l’oscurità e la luce. Ferocemente tutti lottarono attraverso le epoche, usando strani poteri sconosciuti agli uomini. Adepti sono stati riempiti con l’oscurità, lottando sempre contro la luce; ma altri ci furono che, riempiti con splendore, conquistarono l’oscurità della notte. In qualunque epoca o livello tu avessi potuto essere, certamente, sapresti della battaglia con la notte.

Lunghe Ere fa, I Soli del Mattino discesero trovando il mondo riempito dalla notte, là in quel passato, cominciò la lotta, l’antica epoca della Battaglia tra l’Oscurità e la Luce. Per così tanto tempo il mondo fu riempito dall’oscurità che solamente debolmente brillò la luce nella notte. Alcuni di loro, che erano padroni dell’oscurità, cercarono di riempire tutti con la loro tenebra: cercarono di attirare altri nella loro notte. Resistettero strenuamente, i padroni della luce: ferocemente lottarono l’oscurità della notte cercando di allentare le catene, le catene che legano gli uomini all’oscurità della notte. Loro usarono sempre la magia nera, portata tra gli uomini dal potere dell’oscurità, magia che avvolge l’anima dell’uomo nel sudario dell’oscurità. Si unirono insieme come in un associazione, i Fratelli dell’Oscurità, loro attraverso le ere, antagonisti dei figli degli uomini. Camminarono sempre segretamente e in incognito, plasmati, eppure non plasmati dai figli dell’uomo. Per sempre, loro camminarono e lavorarono nell’oscurità e nascosti dalla luce nell’oscurità della notte. Silenziosamente, segretamente usarono il loro potere, asservendo e legando l’anima degli uomini. Invisibilmente loro vengono, e invisibilmente loro vanno. Gli Uomini, nella loro ignoranza li chiamano da sotto.

Oscuro è il modo in cui viaggiano i Fratelli Scuri, scuri dell’oscurità, non della notte, viaggiando dalla Terra dell’al di là loro attraversano i sogni dell’uomo. Loro traggono il potere dall’oscurità intorno a loro per chiamare gli altri abitanti da fuori del loro livello, in modi che sono oscuri e invisibili dall’uomo. I Fratelli Scuri sono nella portata dello spazio mentale dell’uomo. Intorno a lui, loro chiudono il velo della loro notte. E’ durante la vita terrena che l’anima indulge nella servitù, limitata dalle catene del Velo della notte. Loro sono potenti nella conoscenza proibita, proibita perché è uno con la notte. Ascolta, O vecchio uomo, e tieni conto del mio avvertimento: sii libero dalla servitù della notte. Non cedere la Tua anima ai Fratelli dell’Oscurità. Tieni sempre il tuo volto rivolto verso la Luce. Non sai, O uomo, che il Tuo dolore, viene solamente dal Velo della notte. Sì uomo, presta attenzione al mio avvertimento: sforzati sempre verso l’alto, dirigi la Tua anima verso la Luce. I Fratelli Dell’Oscurità cercano per i loro fratelli quelli che viaggiarono sul sentiero della Luce. Essi sanno bene che quelli che hanno viaggiato lontano verso il Sole nel loro sentiero di Luce hanno un più grande potere di legare con l’oscurità i figli della Luce. Fa attenzione, O uomo, a colui che ti si presenta. Pesa con equilibrio se le sue parole sono di Luce. Perché ci sono molti che camminano nella Luce Oscura e non sono i figli della Luce. E’ facile seguire il loro sentiero, facile seguire il percorso che loro indicano.

Ma ancora, O uomo, presta attenzione al mio avvertimento: la Luce arriva solamente a chi si sforza. Duro è il sentiero che conduce alla Saggezza, duro è il sentiero che conduce alla Luce. Molte sono le pietre che puoi trovare nel Tuo sentiero: molte le montagne da scalare verso la Luce. Eppure sappi, O uomo, che colui che diverrà libero sarà sul sentiero della Luce. Perché sappi, O uomo, che la luce alla Fine dovrà vincere e l’oscurità e la notte sono cacciate dalla Luce. Ascolta, O uomo, e presta attenzione a questa saggezza; come l’oscurità, così anche è la Luce. Quando l’oscurità è bandita e tutti i Veli sono lacerati, fuori dall’oscurità balenerà la Luce. Come anche fra gli uomini esistono i Fratelli Scuri, così là esistono i Fratelli della Luce. Loro sono gli antagonisti dei Fratelli dell’Oscurità, cercando di liberare gli uomini dalla notte. Loro hanno poteri, possenti e potenti Conoscendo la Legge, rispettano i pianeti. Loro lavorano sempre in armonia liberando l’anima dell’uomo dalla servitù della notte. Segrete e ignote, sono anche le loro strade. Loro sono sconosciuti ai figli di uomini. Loro hanno sempre combattuto i Fratelli Scuri, conquistando il tempo senza fine. Ancora e sempre la Luce alla fine sarà padrona e porterà via l’oscurità della notte. Sì, uomini, abbiate questa conoscenza: sempre accanto a voi camminano i Figli della Luce. Loro sono Padroni del potere del Sole, sempre invisibili guardiani di uomini. Aperto a tutti è il loro sentiero, aperto a colui che camminerà nella Luce. Loro sono liberi dallo Scuro AMENTI, liberi dalle Sale, dove la Vita regna suprema. Loro sono Soli e Signori della mattina, Figli della Luce che splendono fra gli uomini. Loro sono come l’uomo eppure dissimili, nel passato loro non furono mai divisi. Loro sono stati Uno nell’Unicità eterna, in tutto lo spazio dall’inizio del tempo. Essi erano in alto uniti col Tutto Uno, derivati dal primo spazio, formato e informe. Essi hanno dato agli uomini dei segreti che li proteggeranno da ogni male.

Colui che potrà viaggiare nel sentiero del Maestro, potrà essere libero dalla servitù della notte. Lui potrà avere dominio sull’amorfo e sull’informe, potrà avere dominio sul fantasma della paura. Avendo la Conoscenza, lui potrà raggiungere tutti i segreti, viaggiando sul sentiero che conduce attraverso l’oscurità, tenga sempre di fronte a lui la luce della sua meta. Lui incontra Grandi Ostacoli nel sentiero, manifesto nella Luce del Sole. Ascolta, O Uomo, il Sole è il simbolo della Luce che splende alla fine della tua strada.

Ora ti svelo il segreto:

Quando incontrerai il potere scuro, vinci la paura della notte. Solamente con la conoscenza puoi vincere, solamente con la conoscenza puoi avere la Luce. Ora ti do la conoscenza, conosciuta dai Signori, la conoscenza che vince tutte le scure paure. Usa questo, la saggezza che ti do. Tu dominerai I Fratelli della Notte.

Quando ti arriva una sensazione, che ti conduce più vicino allo scuro cancello, esamina il tuo cuore e scopri se la sensazione è venuta da dentro. Se tu troverai l’oscurità nei tuoi pensieri, bandiscili dalla tua mente. Invia attraverso il tuo corpo un’onda di vibrazione, prima irregolare e poi regolare, ripetendo liberamente tempo dopo tempo fino alla liberazione. La Forza dell’Onda inizia nel centro del tuo cervello. Dirigila in onde dalla tua testa ai tuoi piedi. Ma se tu hai visto che il tuo cuore non è oscurato, stai certo che una forza è diretta a te. Solamente con la conoscenza tu potrai superarlo. Solamente essendo saggio puoi sperare di essere libero. La conoscenza porta saggezza e saggezza è potere.

Arrivaci ed avrai potere su tutti. Cerca dapprima un luogo ai limiti dell’oscurità. Disegna un cerchio intorno a te. Poniti eretto nel mezzo del cerchio. Usa questa formula, e tu sarai libero. Eleva le tue mani sullo spazio scuro intorno a te. Chiudi i tuoi occhi e disegna nella luce. Chiama lo Spirito della Luce attraverso il tempo e lo spazio e usa queste parole e tu sarai libero:

Riempi il mio corpo, Spirito di Vita riempi il mio corpo con lo Spirito della Luce. Vieni dal Fiore che splende attraverso l’oscurità. Vieni dalle Sale dove i sette Signori regnano. Li chiamo per nome, io, i Sette: Tre, Quattro, Cinque, e Sei, Sette, Otto – Nove. Per mezzo dei loro nomi li chiamo ad aiutarmi, liberatemi e salvatemi dall’oscurità della notte: UNTANAS, QUERTAS, CHIETAL, e GOYANA, HUERTAL, SEMVETA – ARDAL. Per mezzo dei loro nomi ti imploro, liberatemi dall’oscurità e riempitemi con la Luce.

Sappi, O uomo, che quando avrai fatto questo, tu sarai libero dalle catene che ti legano, getterai via le catene dei fratelli della notte. Non vedi che i nomi hanno il potere di liberare con la vibrazione le catene che ti legano? Usali allo scopo di liberare tuo fratello così anche che lui, possa uscire dalla notte. Tu, O uomo, sii di aiuto per liberare tuo fratello. Non lasciare che lui giaccia nella schiavitù della notte.

Ora a te, io do la mia magia. Prendila e pensa al sentiero della Luce.

La Luce è dentro di te, la Vita è dentro di te, il Sole ti può far entrare al livello superiore.

Annunci

Un pensiero su “LE TAVOLE SMERALDINE: PARTE VII TAVOLA VI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...