I POZZI SACRI IN SARDEGNA ED I CAIRNS IN SCOZIA

ANCORA CONTATTI ED INCONGRUENZE

Di Fabio Garuti

10405535_748135291946077_8431062319780449367_n 1146503_748135141946092_6195093270727961548_n 10173558_748135095279430_99010714636214545_n 10365810_748135018612771_1028143200241467040_n

Da tempo ormai cerchiamo di dimostrare come la Antica Civiltà Sarda abbia avuto stabili e durevoli contatti con la Scozia Settentrionale ed Insulare ( Isole Orcadi e Shetland ) , in un periodo antecedente l’arrivo in Nord Europa dei Celti, cosa che ci permette, (e non è poco), di collocarla in un periodo anteriore al 2.500 avanti Cristo, ossia almeno un paio di millenni prima della Storia di Roma. Datazione peraltro confermata anche dai contatti che la Sardegna ha avuto con la Bretagna del Nord ( oggi Francia Settentrionale ) e con la Penisola Iberica ( ad esempio Galizia – Spagna ) come dimostrato dai numerosissimi Men-Hir che ancora oggi caratterizzano tali territori, e datati almeno al 3.000/3.500 avanti Cristo. A parte i già diversi riscontri che accomunano tali due Territori tanto distanti tra loro, nella grande Isola Mediterranea vi sono anche magnifiche strutture denominate ” pozzi sacri “, ricordi di culti molto antichi in onore dell’ Acqua e della Femminilità, con riferimento ad una assai venerata Dea – Madre, alla Luna ed a tutto ciò che sia collegato al concetto di ” Dare Vita” , nel pieno rispetto della Natura ed integrandosi con essa. Un concetto, appunto, Femminile, antichissimo , ed in netta contrapposizione con l’idea ” Maschile ” del cercare di possedere i segreti Naturali al fine di dominare la Natura stessa. Detto per inciso i risultati a cui siamo giunti, oggi, denotano con tragica evidenza che un ritorno a concetti ben più rispettosi del Mondo che ci circonda sarebbero per lo meno auspicabili, proprio in quella fondamentale ottica così chiaramente riassumibile ed identificabile nel ” dare Vita” Femminile, appunto. Dicevamo dei Pozzi Sacri in Sardegna : Sorgenti ancora oggi accessibili, a riprova che perizia e conoscenze siano state davvero notevoli. Edificare strutture del genere non è impresa semplice per cui, viste le tante peculiarità di questo antichissimo Popolo penso sia davvero ora di non parlare più di vaga ed indefinita “Civiltà Nuragica”, termine certamente affascinante e veritiero ma che, in ogni caso, significa troppo poco in quanto riferito solo ad una singola tipologia di edificio. C’è molto di più. Ebbene, ed in Scozia ? La Civiltà Pittica, ( o Pitta ) , nel Nord Insulare di quel Paese, di cui più volte ci siamo occupati , ebbe durata ben più breve di quella Sarda, a causa dell’arrivo dei Celti. Nonostante i contatti tra i due territori, la Civiltà Sarda ebbe vita e sviluppo ben più duraturo e significativo, e la regola non fa eccezione neanche per quanto attiene ai Pozzi Sacri. Bellissimi, numerosi e costruiti in modo magnifico quelli Sardi, trovano nel Nord della Scozia rispondenza minore sia quantitativamente che qualitativamente, tranne,per fortuna, una eccezione, giunta quasi intatta ( purtroppo non nella parte superiore ) ed abbastanza ben conservata fino a noi oggi, e che ci permette di fare un significativo ed ennesimo paragone comparativo traendo nel contempo alcune interessanti conclusioni.

Chiariamo innanzitutto che in Scozia tali strutture ( la cui funzione non è stata mai del tutto chiarita, date le contrastanti opinioni in merito ) vengono genericamente indicate come CAIRNS, termine Gaelico-Scozzese certamente tardo , che include vari tipi di costruzioni a secco, litiche ( in pietra) , non ben distinte tra loro : accumuli di pietre per indicare o demarcare i confini, tombe ed, appunto, luoghi di accesso a sorgenti od a corsi d’acqua , sotterranei e non. Ne sono rimasti pochissimi, (alcuni sono stati interrati e vengono scoperti per puro caso, od addirittura sono stati riutilizzati come sepolcri in età successiva non essendo stati più compresi e venerati come Culto della Dea Madre della Terra ) , ed indicano un culto dell’Acqua e della Femminilità riscontrabile anche in Sardegna, ma non certo presso i Celti. E’ evidente che tali similitudini tra Scozia Settentrionale pre-Celtica ( ossia Pittica ) e Sardegna siano frutto di affinità Socio – Culturali notevoli ( non dimentichiamo l’organizzazione Matriarcale, sempre comune ai due Territori così come talune importanti raffigurazioni iconografiche) e, in definitiva, di una Civiltà Sarda in grado di mantenere tali rapporti conservando la propria identità anche quando nel Nord della Scozia, e nel resto d’Europa, i Celti di origine Indo-Europea presero, come detto, il sopravvento. Abbiamo considerato due strutture : una è quella di IS PIROIS , magnifica, ubicata nel Comune di Villaputzu, l’altra è quella di QUOYNESS, Isole Orcadi , Scozia Settentrionale , quindi sempre nei medesimi luoghi in cui, ricordiamolo, sono stati sia edificati un migliaio di DUN , pronuncia DAN, molto simili ai Nuraghi Sardi per aspetto esterno,struttura tronco-conica, muro a doppio guscio, scala elicoidale intra-muraria e nicchia d’andito, e sia scolpiti i magnifici CERCHI CONCENTRICI su pietra identici per fattura e soggetto a quelli Sardi. Le immagini parlano da sole, l’affinità è evidente, per cui non ci resta che asseverare, ancora una volta, i contatti tra i due Territori . Ma c’è di più : datazioni : in Sardegna, stando ai dati ufficiali, siamo, per i pozzi sacri, alla cosiddetta età Nuragica ( dal 1.800 / 1.500 avanti Cristo fino al 500 / 200 sempre avanti Cristo ) . In Scozia, invece, il Cairn,o meglio il Pozzo Sacro di cui abbiamo discusso, viene datato a più di 5.000 anni fa, ossia ben prima del 3.000 avanti Cristo. E’ una prima, notevole, ammissione di incongruenza : chi ha ragione ? Per quanto ci riguarda, sappiamo ormai che la struttura nelle Isole Orcadi, al pari dei Dan/Nuraghi, è certamente pre- Celtica, e quindi certamente anteriore al 2.500 avanti Cristo. Ne consegue che il 3.000 avanti Cristo sia parecchio verosimile. Materia complessa, ma che comincia a dare responsi inequivocabili : Nuraghi, Pozzi Sacri e Cerchi Concentrici su pietra, ben presenti ed ancora ottimamente conservati, sono presenti in Sardegna e nella Scozia Settentrionale ed Insulare, denominati rispettivamente Dun ( pronuncia Dan – ben diversi e da non confondere con i grandi Broch che sono altra cosa ) e Cairns, mentre per i Cerchi su pietra manca una specifica denominazione. Al di là di altre affinità i due Territori sono evidentemente legati, ma il fatto che nel Nord della Scozia siano arrivati, verso il 2.500 avanti Cristo, i Celti, che tali strutture non hanno più edificato, ci permette anche, e finalmente, di dare una datazione precisa anche alla Antica Civiltà Sarda : certamente antecedente al 2.500 avanti Cristo, appunto. Scusate, ma che senso avrebbe avuto “replicare” in Sardegna edifici od iconografie su pietra risalenti in Scozia ad almeno 1.000 anni prima ? Che logica ci sarebbe in tutto ciò ?. Un pò ciò che è accaduto per la datazione dei Bronzi, che in Sardegna testimoniano una perfezione più che mirabile. Ma possibile che l’età del Bronzo venga fatta risalire al 3.300 avanti Cristo tranne che in Sardegna , in cui tale lega si sarebbe affermata nel 1.800 avanti Cristo ? Ossia circa 1.500 anni dopo ? 15 secoli per conoscere il bronzo ? Non c’è nulla da fare…..alla Storia ufficiale Sarda sembra toccare un destino davvero strano : i Millenni “saltano” come birilli e soprattutto non si deve mai e poi mai andare più indietro del 2.000 avanti Cristo. Punto e basta. Altro destino assurdo riguarda la Marineria Sarda : fino all’arrivo dei Fenici i Sardi ( ufficialmente ) non avevano nè barche nè navi,altrimenti non si spiegherebbe una stasi di millenni all’interno dell’Isola !!!. Ormai l’ anti – storicità si sta trasformando in una sorta di farsa grottesca e surreale. Persone che vivono su un’ Isola, che attendono millenni prima di conoscere le navi ? Retrodatando anche la Storia della Antica Civiltà Sarda i vari “tasselli” si incastrano certamente meglio. Con una migliore e ben più precisa identificazione della cosiddetta “Civiltà Nuragica” ; un termine limitativo, per quanto indubbiamente affascinante, non Vi pare ?

( tratto da : Sardegna , pagine di Archeologia negata. Una grande Civiltà Mediterranea migliaia di anni prima della Storia di Roma – Anguana Edizioni – Sossano – VI )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...