Messico: La piramide di Kukulkan nel sito di Chichen Itza rivela un segreto per gli scienziati

Di E.din: la terra degli anunnaki

L’articolo desta molto interesse e va analizzato con estrema attenzione. Gli elementi ritrovati in quest’ultimo anno sul sito in oggetto (le tracce di mercurio e la presenza di un bacino d’acqua sotterraneo) potrebbero fornirci dei tasselli molto concreti per tutte quelle ipotesi che vedono nelle strutture piramidali di un certo calibro, un funzionamento diverso dal semplice edificio a scopo cerimoniale. Tutti questi elementi potrebbero rafforzare il pensiero di una struttura atta alla produzione di energia o che possa riferirsi a funzioni associate alla ionizzazione (come letto in altri recenti precedenti articoli)? Chichen Itza può essere l’esempio più lampante e pratico di come, attraverso prove più “fresche” e “incontaminate” dal punto di vista cronologico, rispetto alla “sorella più anziana” di Giza(?), di come tali strutture possano celare in se fortemente e concretamente una testimonianza di un’avanzata conoscenza tecnologica nel passato? Di sicuro, tutte queste ultime scoperte continuano a stridere sempre (e forse di più) con quanto venga continuamente affermato dalla scienza accademica, che vede, anche in questo caso specifico nella presenza di acqua, una funzionalità prettamente magica e simbolica. Lecitamente, può anche essere logica conclusione a certi prerequisiti di assunzione, ma per il mercurio come la mettiamo? Lo tralasciamo? O come in altre innumerevoli occasioni, più semplicemente lo ignoriamo? Forse sarebbe stato meglio che non fosse stato li……..

Traduzione dall'articolo originale:
http://www.actulatino.com/2015/08/14/mexique-la-pyramide-de-kukulkan-sur-le-site-de-chichen-itza-revele-un-secret-aux-scientifiques/
La piramide di Kukulkan, che si trova all’interno del sito archeologico di Chichen Itza in Messico, è stato costruito su un cenote (acqua dolce riempita cavità formata dal crollo del calcare), è la scoperta fatta da scienziati dell’Istituto di Geofisica e membri dell’Istituto di Antropologia e Storia e la UNAM.

cul26140815

Nel corso di una conferenza stampa, René Chávez IGF ha annunciato la scoperta di una superficie d’acqua che si estende da nord a sud di 35 m. ad una profondità di 25 m. “Il cenote non è aperto, vale a dire, la piramide non galleggia sull’acqua “, ha detto.
Usando uno studio 2D, gli scienziati hanno individuato uno strato di calcare di circa quattro metri ad una profondità incerta. “Vediamo fino a 20 m, ma questo può essere inferiore, e non pensare che questo posto è pieno di acqua, si deve raggiungere un livello di circa un terzo della struttura”, ha detto il esperto.

Questa scoperta è stata resa possibile da una tecnologia sviluppata all’università non convenzionale che consente un nuovo uso di una breve strumento nel campo dell’esplorazione. Le analisi di tomografia elettrica che consisteva nel porre sensori intorno alla piramide, inviando onde elettriche nel sottosuolo per mezzo di elettrodi, sono stati utilizzati per misurare la differenza di potenziale o resistività del suolo.

Chávez Segura ha spiegato che dopo aver controllato il funzionamento di questo metodo sulla piramide di El Osario, sulla stessa zona archeologica, la piramide di Kukulkan è stata osservata con l’introduzione di 96 elettrodi che ha permesso di osservare 8.650 punti distinti. Gli scienziati hanno già menzionato la possibilità di vedere un possibile collasso della piramide a lungo termine, ma questo non dovrebbe accadere “per diverse generazioni.”

Questo cenote non è situato nel centro della piramide, ma sul bordo della struttura, che è un fattore che favorisce la solidità della piramide, il cenote non supporterebbe infatti il peso di questo edificio storico.

CMXyXSoUsAAVnjU CMXyXSVUsAARqek  CMXyXTBVEAAfbwe

Per i Maya, queste pozze d’acqua erano luoghi sacri, una bocca aperta dell’altro mondo, e più precisamente il mondo di mezzo. Alcuni cenoti erano luoghi di culto in cui era possibile inserire le offerte e fare sacrifici per soddisfare gli dei. Questa scoperta potrebbe spiegare come per più di mille anni, i Maya hanno scelto i luoghi ove costruire i loro luoghi sacri. ” Sappiamo che questo tipo di terreno comprende falde acquifere di calcare,“, ha detto l’antropologo messicano Denisse Argote, il che contraddistingue questo posto per diverse linee di indagine, questo bene è associato al ventre materno (l’origine della vita) associata al cielo nei rituali pre-ispanici.

“Sappiamo che nelle aree carsiche, le reti sono sotterranee. Quindi questo fenomeno, associato al concetto del grembo della madre, l’origine della vita, e l’acqua, che è all’origine della vita, abbiamo un doppio significato, che è molto importante. Pertanto, considerando tutti questi concetti, combiniamo questa cavità come elemento essenziale nel pensiero magico e religioso“, ha detto.

La piramide di Kukulcan (dedicato al serpente dio piumato), noto anche come El Castillo, è un monumento pre-ispanico, risalente a oltre un migliaio di anni, costruito dai Maya, che si trova nello stato di Yucatan in Messico, Chichén Itzá , un sito archeologico di un patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1988. Chichen Itza è la più importante testimonianza archeologica della civiltà maya-tolteca in Yucatán (X-XV secolo). I suoi monumenti, tra cui il gruppo settentrionale, tra cui il cortile del tribunale della palla, il Tempio di Kukulkan e il Tempio dei Guerrieri, sono tra i migliori capolavori dell’architettura in America Centrale per la bellezza delle loro proporzioni, prelibatezza che caratterizzano la loro costruzione e la sontuosità delle decorazioni scolpite. Questi monumenti hanno una grande influenza in tutta l’area dello Yucatan tra il X e XV secolo.

Già nel mese di aprile 2015, gli scienziati avevano scoperto mercurio liquido sotto la piramide di Teotihuacan in camere sotterranee situate alla fine del tunnel sacra, 18 metri di profondità, un lungo corridoio di 103 metri è rimasto chiuso per quasi 2000 anni .
Il mercurio è stato trovato in quantità in forma liquida nella camera sud, archeologo Julie Gazzola aveva affidato “E’ molto difficile da recuperare perché non è in un contenitore, ma mescolato direttamente a terra. Premendo le gocce di mercurio, si riuniscono formando una grande palla “.

Fonti delle immagini utilizzate nell’articolo:

Edoardo Aguilar: https://twitter.com/EduardoAgSi/status/632177865807695872/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw

Annunci

2 pensieri su “Messico: La piramide di Kukulkan nel sito di Chichen Itza rivela un segreto per gli scienziati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...