WHEELHOUSES: un fenomeno solo scozzese?

Di Valeria Putzu

La fusaiola con l’iscrizione Ogham che stiamo indagando proviene dalla wheelhouse di Buckquoy. Sul momento non avevo fatto molto caso a questa notizia, poi mi sono informata meglio e mi si é aperto un mondo.

Che cosa sono le wheelhouses? Sono edifici della parte nord e insulare della Scozia che hanno un fortissimo legame con la Sardegna, dopo i Nuraghi Dun e i pozzi sacri, ecco trovata una terza tipologia di edifici che coincide in modo sorprendente. Le foto 1 e 2, Grimsay Wheelhouse e Bagh nam Feadag Wheelhouse, sono due esempi dei piú recenti. La tipologia della wheelhuse infatti ha un ampia diffusione in un periodo relativamente recente, tra il II Sec. A.C. e il I sec. D.C. si tratta di edifici esternamente circolari (o grosso modo circolari), con una serie di suddivisioni interne costituite da muri e/o pilastri configurati a forma di raggi di ruote di bicicletta, moltissimi (72%) sono associati a Broch o Dun, o per vicinanza all’edificio, oppure per riutilizzare come Wheelhouse un Dun in rovina (a ulteriore testimonianza che i Dun sono anteriori a queste date). Alcuni erano scavati nel terreno, in modo che ne sopra uscisse solo il tetto (che comunque poteva essere alto fino a 6 metri). Si sono trovate all’interno tracce di sepolture rituali di animali sacrificati e teste umane e alcuni sono associati a Menhir e circoli di pietre (del II sec A.C?????) o pestelli di ocra e pietre nere, quindi si pensa che questi edifici avessero una valenza soprattutto rituale,non residenziale, come il nome farebbe erroneamente credere.

Questo è il primo materiale che avevo trovato in proposito e già la forma delle Wheelhouses mi aveva fatto accendere una lampadina, indagando meglio ho scoperto altre cose interessanti, e cioè che la forma degli edifici si è andata “irrigidendo” e “geometrizzando” con il tempo, ma che in realtà la tipologia edilizia è parecchio anteriore al 2 sec. A.C, ma ce ne varie dell’età del bronzo, come quelle di Mousa (foto 3) o di Jarlshof (foto 4), queste sono caratterizzate dal fatto di avere una pianta meno rigida, piú organica (più a fiore che a ruota per dirlo in termini semplici) e tendente a deformarsi a seconda della funzione o del contesto in cui si inserisce. Anche la Wheelhouse di Buckquoy, con la sua pianta allungata e leggermente antropomorfa (foto 5 e 6) è di questa tipologia, questo é il motivo per cui non credo alla datazione che ne è stata data, basata unicamente sui reperti dell’ultimo periodo del suo utilizzo.

Per fare in modo che gli amici spagnoli possano fare un confronto con le strutture sarde, ho inserito anche alcune fotografie delle analoghe capanne sarde di Arcu is Forrus (foto 7), Barumini (Foto 8), Sant’Imbenia (foto 9), La Prisgiona (foto 10) e Serra Orrios (foto 10).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...