NURAGHI – DUN – TOFET: PROVE ARCHEOLOGICHE A CONFRONTO

Di Fabio Garuti

11036416_846964192087139_8137154543281542852_n 11209525_846964535420438_1771208660455711080_n 12003215_846964595420432_491705671217788253_n 12003257_846963828753842_7716918672443510807_n 12003902_846964015420490_8651009403088748258_n 12006357_846964475420444_5863068711212791434_n 12009721_846964132087145_411484958666364772_n 12027683_846964268753798_3425445515897747574_n 12027813_846964655420426_2358276073507199924_n 12032239_846964728753752_6082323447449828175_n 12036722_846963945420497_8116427029488604959_n 12039344_846963772087181_2976477722397355573_n

Dato che la Ricerca Indipendente viene bollata, da gran parte del Mondo Accademico, come “fantasiosa”, “priva di riscontri”, “inaffidabile”, fino ad arrivare a termini talvolta irripetibili (parliamo di evidente Negazionismo, ma non a copertura di qualche oscuro complotto, bensì semplicemente di posizioni acquisite e da non voler assolutamente mettere in discussione…), mi sembra logico, opportuno e doveroso fare un bel raffronto metodologico, con tanto di immagini e descrizioni, su due esempi concreti di “prova archeologica”. La posta in gioco, e lo sanno benissimo tutti, nessuno escluso, è molto più alta di quanto si creda e soprattutto di quanto si voglia talvolta far credere: la Credibilità, requisito fondamentale per ottenere l’attenzione, l’approvazione e l’incoraggiamento del Pubblico e capace, inoltre, di creare una “forchetta” sempre più ampia ed incolmabile tra i due modi di affrontare la Ricerca Storico-Archeologica.  Continua a leggere

Annunci