DIVINITA’ EGIZIE: KHENTAMENTYU

Di M.Rita Moi

11988753_676922755743330_6398957051706503395_n 11988592_676923039076635_3251028704058127829_n 11950171_676921769076762_5945186784659452419_o   11215157_676922772409995_1268101426955920455_n

Khentamentyu (anche Khentamenti) è una divinità ancestrale della mitologia egizia, particolarmente venerata ad Abydos, in Egitto. Si considera protettore dei morti (da cui il nome in italiano Primo degli Occidentali, ossia i trapassati verso l’Aldilà), e viene raffigurato come uno sciacallo.

11930896_676922809076658_6051056294320210694_o11949497_676922789076660_4820570703145431913_n

Durante il Medio Regno venne assimilato ad Osiride, e il suo nome ne divenne un epiteto. Talvolta, in correlazione all’analogia nella raffigurazione zoomorfa, è stato erroneamente associato anche ad Anubi.

  • Osiri-KhentamentyuPrima divinità dell’Oltretomba, come recitano i Testi delle piramidi, venne successivamente sostituito da Osiride, già verso la V dinastia, ma restava il dio protettore del XVII nomo dell’Alto Egitto il cui capoluogo, Khasa, venne chiamato, in epoca ellenistica, Cinopoli ossia “Città dei canidi” per il culto che vi veniva celebrato.

Le divinità ibride con testa di canide erano diverse e ne citiamo tre: Anubi, Upuaut e Khentamentyu. Continua a leggere

Annunci